Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for luglio 2008

La Stampa/TorinoSette

27 giugno 2008

 

Il bestiario di Pedrazzini

 

di ANGIOLA MARIA GILI

 

Novecentonovantanove saranno le tavole del De Bestiarum Naturis cui sta dando forma Andrea Carlo Pedrazzini, una sorta di compendio medievale in versione contemporanea. La carrellata di animali mutanti disegnati a inchiostro di china, una fusione di realtà e immaginazione, annovera ad oggi mezzo migliaio di esemplari. Una selezione di 44 fogli è in mostra alla Galleria Davico fino al 12 luglio, un repertorio faunistico dove le alterazioni metamorfiche si accompagnano a note argute di attualità o esperienze personali dell’autore.

Pedrazzini, cinquantenne illustratore milanese, autore di numerosi libri d’artista, ha lavorato per diverso tempo per le pagine culturali del Sole 24 Ore e collaborato con la Stampa ed altre testate. Da otto anni forgia l’opera omnia di zoologia, il De Bestiarum Naturis, una visionaria rappresentazione del mondo naturalistico che traduce in termini sottilmente ironici la realtà. Con una tecnica impareggiabile di tratteggio e una dedizione al particolare quasi ossessiva, Pedrazzini presenta rane, topi, tapiri, pesci, uccelli riadattati con particolari spiazzanti e con brevi commenti, camuffati da massime, capaci di creare un gioco di parole e un corto circuito tra immagine e testo.

Lo Sciatore è il pesce che lascia la scia, il Thonet è il topo con la coda e le zampe a spirale che formano una poltrona (con riferimento al legno curvato dell’azienda viennese), il Centauro è molto umano perché fuma. Poi c’è il Tapire Roulant a dondolo e il Packaging, il pesce da imballaggio.

 

 

 

 

Annunci

Read Full Post »